Rugby: come fare un placcaggio

Tramite: O2O 15/02/2016
Difficoltà: media
18
Introduzione

Come saprete, il rugby è uno sport di contatto fisico, non violento chiaramente, nel quale impedire ad un avversario di arrivare a far meta è uno degli aspetti fondamentali. Per bloccare un avversario, cioè placcarlo, ci vuole esperienza e fisico, ma anche una conoscenza basilare di alcune regole fisiche come il centro di gravità, che potranno aiutarvi a fare un placcaggio più che soddisfacente e sopratutto funzionale e sicuro.

28

Il placcaggio si può effettuare da tre diverse posizioni, quella frontale, quella laterale e posteriormente al vostro avversario. Anche se la tecnica base rimane la stessa, ci sono degli accorgimenti da tenere in considerazione in base alla direzione del placcaggio che intendete effettuare per renderlo efficace e per evitare di farvi male. Placcare frontalmente può essere un azzardo, se il vostro avversario è in corsa, ma l'importante e che rimaniate in una postura molto bassa, e che effettuiate questo placcaggio con la spalla, avendo cura di posizionare la testa dietro il corpo del vostro avversario, facendola uscire di lato al momento dell'impatto. Subito dopo aver colpito con la spalla l'avversario, all'altezza del bacino o meglio ancora delle cosce, chiudete le braccia dietro di lui e forzate lo sbilanciamento del portatore di palla. Il trucco per effettuare un buon placcaggio frontale è quello di attaccare dall'alto verso il basso per facilitare lo squilibrio.

38

Ottenere l'abitudine di sapere dove, come e quando fare un placcaggio prima di tentare: quello è fondamentale per eseguire solidi e costanti placcaggi. Come qualsiasi altra capacità, più è praticato, più diventa istinto naturale. Quelli che hanno giocato per anni possono affrontare e istintivamente posizionarsi per rendere un placcaggio (e non farsi male).

Continua la lettura
48

Se invece state effettuando un placcaggio laterale, ben più semplice da effettuare rispetto al precedente, dovrete sempre aver cura di avere una postura bassa, che vi faciliterà l'entrata sotto il suo centro di gravità rendendovi più facile spostare l'avversario, e placcare al livello delle gambe. Anche in questo caso la testa andrà spostata posteriormente al vostro avversario, ma cambierà la direzione della spinta che non sarà più dall'alto verso il basso ma sarà diretta nella vostra direzione di corsa.

58

Infine per placcare posteriormente dovrete cercare di aggrapparvi al busto del portatore di palla cercando così di rallentarne la corsa, stancarlo e portarlo più facilmente a terra, magari anche con l'ausilio di un vostro compagno di squadra che lo placcherà lateralmente o frontalmente. Altra possibilità è quella di bloccargli le gambe, stringendo dalle cosce, e bloccandogli la corsa. Deve essere ricordato, che per effettuare un buon placcaggio, oltre alla tecnica ed alla preparazione fisica, serve una buona dose di coraggio e "cattiveria" agonistica.

68

I giocatori devono assolutamente entrare in ogni situazione per affrontare con il massimo livello di impegno, ma non necessariamente per lo scopo specifico di colpire il portatore di palla il più forte possibile. Invece, l'accento dovrebbe essere sullo sviluppo e utilizzando la tecnica migliore possibile, piuttosto che cercare di battere gli avversari nella prossima settimana. Una buona tecnica si traduce direttamente nel rendere più placcaggi ed essere in grado di affrontare i giocatori di tutte le dimensioni e in tutte le situazioni.

78
Guarda il video
88
Consigli
Alcuni link che potrebbero esserti utili:
Potrebbe interessarti anche
Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rugby

Accessori e protezioni per il rugby

Il rugby è uno sport che fonda le sue radici nel secolo scorso nell'omonima cittadina; è un gioco di combattimento e di situazione, sia perché si basa sul contatto fisico tra i giocatori, sia perché è molto importante comprendere quello che avviene...
Rugby

Come realizzare uno schema d'attacco nel rugby

Il rugby rappresenta uno sport che ha origini molte antiche ed è una disciplina sportiva molto diffusa negli Stati Uniti d'America. In pratica, possiamo distinguere tra differenti tipologie di questa attività sportiva. Per prima cosa, è doveroso citare...
Rugby

La giusta alimentazione per chi gioca a rugby

Rugby è il nome generico con cui vengono attualmente intesi due sport di squadra con le loro varianti, differenziatesi nel Regno Unito alla fine del XIX secolo: il rugby a 15 o rugby union, disputato tra due squadre di 15 giocatori ciascuno, e il rugby...
Rugby

La tecnica per calciare il pallone da rugby

Il rugby è uno sport che sta prendendo sempre più piede nel panorama sportivo di ogni giorno. In Italia culturalmente c'è da fare ancora molta strada per essere alla pari di altre realtà europee come l'Inghilterra, la Francia e l'Irlanda. Questa rapida...
Rugby

Come lanciare una palla da rugby

Ogni sport ha le proprie tecniche, di allenamento e di fisicità dei giocatori. La scelta verrà fatta guardando la passione nutrita nel tempo, e soprattutto valutare la predisposizione fisica, prima di scegliere e intraprendere allenamenti, consultare...
Rugby

Come prepararsi al meglio prima di una partita di rugby

Che sia una partita di rugby, basket, calcio o un altro sport, l'importante è andare in campo con la convinzione di andare, di vincere e fare il più possibile per la squadra. È tutta questione di testa, infatti prima di andare a dormire se ci addormentiamo...