Come realizzare il nodo margherita

Tramite: O2O 16/08/2016
Difficoltà: media
15

Introduzione

I nodi marinareschi devono avere tre caratteristiche: rapidità d?esecuzione, perfetta tenuta anche sotto sforzo e velocità e facilità di scioglimento. Il nodo chiamato "margherita" (in Inglese "Sheep Shank") fa parte della categoria dei nodi di accorgimento. La sua particolarità è dovuta al fatto che finché i due capi sono in tensione, il nodo resta serrato, ma al cedere della tensione da parte di uno dei due capi, il nodo si scioglie. Esso potrebbe essere utilizzato come metodo di ancoraggio, allentando poi la tensione per scioglierlo e recuperare così la corda. Ma questo è molto rischioso (basti pensare che una sua variante è chiamata kamikaze knot!).
Andiamo a vedere quali sono i passaggi per realizzare un nodo margherita.

25

Occorrente

  • corda da marinaio
35

Prima di tutto dovete posizionare la cima in modo tale che si formino due doppini paralleli opposti tra loro, quindi formate un "occhiello" nella parte in alto. Adesso, procedete spingendo il doppino inferiore attraverso il cappio (l'occhiello) che avete appena formato. (È molto importante che facciate attenzione a passare i doppini nel cappio seguendo il senso corretto, altrimenti, non appena la cima verrà messa in tensione, essa rischierà di sciogliersi automaticamente, quindi seguite bene le indicazioni della guida in modo da non sbagliare.)

45

Presi questi accorgimenti adesso si deve fare un altro cappio incrociato nella parte inferiore della fune, con l'estremità destra in alto. Spingere quindi il doppino superiore all'indietro, attraverso il cappio che avete appena realizzato. Procedete quindi, tirando le due estremità della cima, stando attenti che i cappi si serrino attorno ai doppini. Ecco, adesso il nodo è pronto! Attenti però! Le corde che vengono utilizzate possono essere in fibra vegetale (cotone, canapa, manilla ...) o in fibra sintetica (poliammide, poliestere, polietilene, polipropilene ...), non dimenticate!

Continua la lettura
55

Il nodo a margherita ha la proprietà di far sforzare solamente due punti della corda. Questo è molto sfruttato in ambito marinaresco e può essere molto utile in caso di necessità. Solitamente viene utilizzato come nodo di accorciamento per evitare il taglio di una fune accorciando i cavi senza ricorrere al taglio ma può anche essere sfruttato per non lacerare (o finire di spezzare) punti deboli della corda. Infatti, facendo trazione solo su due punti può risultare ottimo in caso di emergenza. Inoltre questo tipo di nodo è uno tra i più sicuri e può essere sciolto facilmente dopo l'uso.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Sport Acquatici

Come realizzare il nodo dell'impiccato

Una delle cose più importanti ma molto spesso sottovalutate che potrebbero tornare utili è quella di sapere come realizzare i vari tipi di nodi. Questi non sono solo importanti quando si impara a navigare una nave, ma potrebbero rivelarsi indispensabili...
Sport Acquatici

Come fare il nodo savoia doppio

Il nodo "Savoia doppio" conosciuto anche come nodo a "otto ripassato" oppure "otto inseguito", è un nodo d'arresto come per il "nodo semplice" o "Savoia" di cui ne rappresenta un'evoluzione. Esso permette di creare un'asola per assicurare una tenuta...
Sport Acquatici

Come fare il nodo del cappuccino

Il nodo del cappuccino fa parte della categoria dei nodi d'arresto, d'appesantimento e lancio, chiamato anche nodo del frate o nodo cavasangue. Esso viene adoperato soprattutto dai surfisti che lo adoperano come presa per la scotta di recupero del boma....
Sport Acquatici

Come eseguire un nodo di giunzione

Se vuoi essere un bravo pescatore e non un imbranato come Pippo, devi assolutamente imparare ad eseguire un nodo di giunzione che ti salverà qualora ti si rompesse la lenza. Il nodo in questione oltre a non sciogliersi, non deve far diminuire il carico...
Sport Acquatici

Come fare il cappio del pescatore

Quando si ha la necessità di fare un nodo che sia al tempo stesso robusto, ma che sia anche facile da sciogliere in caso di necessità, si pensa subito ai nodi marinai. Quella di fare nodi, nella vita del mare, infatti, è una vera arte. Per ogni cima...
Sport Acquatici

Come realizzare una canna da pesca di bambù

Guardando al passato, le canne da pesca venivano principalmente forgiate utilizzando il bambù, in quanto, essendo una pianta molto resistente e, al tempo stesso molto flessibile ed elastica, era particolarmente indicata per questa funzione. Nel tempo...
Sport Acquatici

Come realizzare una coda da sirena per nuotare

Volete un accessorio utile per divertirvi ancora di più in piscina? Volete stupire parenti ed amici in modo originale, creativo e simpatico? Allora, una coda da sirena per nuotare in piscina è tutto ciò che fa al caso vostro! Non ci credete? Leggete...
Sport Acquatici

Come realizzare la pastura

Uno degli sport che maggiormente aiutano a rilassarsi è senza dubbio la pesca. Se però questa diviene anche “fruttuosa” e si riescono a portare a casa dei pesci da cucinare, al relax si aggiunge anche un benefico senso di soddisfazione. Perché...