Come pescare l'Agone in frega

Tramite: O2O 12/07/2016
Difficoltà: facile
16
Introduzione

L'Agone, conosciuto anche col nome di "cheppia", deriva dalla radice latina "acu"s, che tradotto risulta "ago", in quanto ha presenti le branchiospine. Esso è un pesce di fiume molto gustoso, ed anche tanto apprezzato specialmente in quanto ha poche lische. Lo potrete trovare nei grandi laghi prealpini molto facilmente. Lo scopo di tale guida sarà quello di spiegarvi come riuscire a pescare l'Agone in frega, che durante il periodo di riproduzione non prende cibo, ed occorrerà quindi utilizzare delle tecniche diverse per prenderlo dove sarà possibile pescarlo non essendoci il divieto di pesca.

26
Occorrente
  • canna
  • filo da 0.25
  • moschette
  • girelle
  • piombo lungo
36

Come vi abbiamo già anticipato, uno dei possibili modi per catturare l'Agone, è quello di prenderlo per la gola, cioè sfruttare il suo appetito ed anche il senso di protezione che possiede nei confronti delle sue uova. Nel periodo della riproduzione, invece, l'Agone non mangia assolutamente, ed è inutile perciò presentargli davanti delle esche che gli potrebbero sembrare appetibili. Occorrerà al massimo mettere dentro all'acqua delle esche, che possa scambiare per pesci e che possano rappresentare delle minacce per le loro uova.

46

Per procedere come detto in precedenza, occorrerà preparare delle catene dove verranno montate delle moschette speciali. Dovrete quindi preparare la catena di moschette come terminale della canna da lancio che è lunga circa 4/5 metri. In seguito, dovrete montere un filo della lunghezza di 0,25 metri e che farete con un piombo lungo che peserà 10/20 grammi. Sarà una scelta che dovrete fare basandovi sulla profondità. Una volta che avrete recuperato trovando degli Agoni che avranno abboccato, dovrete pensare che state combattendo col nemico.

Continua la lettura
56

Dovrete preparare la catena seguendo e guardando il disegno che abbiamo creato qui apposta, in modo da rendere tutto quanto più semplice e chiaro nella spiegazione. Dovrete prendere un filo da 0,25 metri, poi lo dovrete legare in un'estremità ad una girella a moschettone. Lasciate il filo di 40 centimentri e legate l'altra parte dell'estremità all'altra girella. Ora dovrete legare un altro pezzo di filo sempre lungo 40 centimetri all'altra parte di estremità di tale ultima girella ed anche ad un'altra girella. A questo punto, ciascuna parte di filo dovrà essere da 40 centimetri, infine dovrete agganciare due moschette su braccioli che sono lunghi 4 centimetri.

66

Vedrete che l'Agone che abboccherà alla moschetta prepotentemente. Nella maggior parte dei casi si autofferra, perciò dovrete soltanto recuperare senza troppo cedere il filo, ma nemmeno forzare troppo: praticamente dovrà essere un recupero molto ma molto dolce! Nel caso non abboccasse con decisione, e voi pensate che abbia abboccato in quanto avvertite un piccolo tremolio della canna, ed anche un filo un po' costante, dovrete capire quando sarà il momento esatto per sferrare il contrattacco togliendolo fuori dall'acqua.

Potrebbe interessarti anche
Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Sport Acquatici

Come pescare i gamberi rossi

A differenza dei comuni gamberi di fiume, i gamberi rossi sono molto più saporiti e di dimensioni notevolmente più grande rispetto al gambero comune. Pescare questo crostaceo, è semplicissimo e non richiede nessuna attrezzatura costosa o specifica....
Sport Acquatici

Come pescare il pesce palamita

La palamita è un pesce di acqua salata, della stessa famiglia del tonno. Essa presenta un corpo allungato di colore blu intenso e delle linee longitudinali scure sul ventre; queste linee permettono di non confondere questo pesce con altri suoi simili,...
Sport Acquatici

Come pescare a mani nude

Nelle città di mare la pesca è un elemento molto importante.Si sta diffondendo un'attività particolare in tutto il mondo; questa attività si può considerare una moda del momento, ma anche una delle attività più antiche dell'uomo sulla terra: la...
Sport Acquatici

Come pescare con le cozze

In questo articolo imparerete ad usare le cozze per pescare. Le cozze che successivamente attacherete all'amo sono facilmente reperibili in tutte le pescherie e nei supermercati (nelle pescherie il prezzo è più alto) a buon prezzo e sono considerate...
Sport Acquatici

Come pescare il branzino con la tecnica del cucchiaino rotante

La pesca del branzino affascina sempre, ma alcune volte risulta estremamente difficoltosa mediante le altre tecniche che si utilizzano maggiormente. Il cucchiaino rotante, invece, possiede il grandissimo beneficio di provocare sull'acqua delle luci differenti...
Sport Acquatici

Come pescare il polpo con la zampa di gallina

Per pescare il polpo, non serve sempre utilizzare una canna da pesca, oppure uscire in barca. C'è un metodo tanto antico quanto funzionale, che permette di pescare questo prelibato mollusco nelle zone di mare. Il metodo sicuramente più efficace e meno...
Sport Acquatici

Come pescare una tinca a fondo

La pesca è uno degli sport più amati dagli italiani, ma anche in altri paesi della Terra. La grande quantità di pesci che si trovano in mare, di grandi o piccole dimensioni, rendono questo sport emozionante, infatti pescare una pesce non è sempre...
Sport Acquatici

Come pescare la leccia stella

All'interno di questa guida andremo a occuparci di pesca. Infatti, come avrete già letto nel titolo di questa guida, ci dedicheremo ad argomentare su come pescare la leccia stella. La guida sarà composta da una parte breve di carattere introduttivo,...