Arti marziali giapponesi: stili di combattimento

Tramite: O2O 21/11/2015
Difficoltà: media
15

Introduzione

L'origine delle arti marziali giapponesi risale all'epoca dei primi Samurai, i famosi guerrieri appartenenti alle caste più nobili, che a partire dall'epoca feudale hanno servito l'imperatore nello stabilire l'ordine pubblico e nel regolare le lotte tra clan. Essi erano addestrati sia alle arti marziali senza armi che con le armi, ma soprattutto ad un perfezionamento dell'arte e degli stili di combattimento unita alla spiritualità e al rispetto.

25

Vi sono due modi di praticare le arti marziali: con o senza armi. Nell'epoca moderna, per ovvie ragioni, le sole discipline praticabili sono quelle senza le armi e comunque, coloro i quali volessero avvicinarsi ad esse, possono scegliere tra molte possibilità. Tra quelle più famose e conosciute da tutti vi sono il Judo, il Karate, il Jujitsu e il Kick Boxing.

35

Il judo (Trad. Via della Cedevolezza), è considerato più che un'arte del combattimento, una disciplina di difesa. La sua filosofia è incentrata sul non offendere ma piuttosto difendersi. Essa è nata nel tardo ottocento per merito della scuola di jigoro Kano, anche se ovviamente forme simili sono da ricondursi a secoli addietro. Principale fondamento di questa tecnica e lo "scaricare" e neutralizzare la forza offensiva dell'avversario tramite mosse studiate appositamente dette Nage-waza (o tecniche di proiezione). Queste mosse vengono praticate in posizione eretta. Il Katame Waza (o tecnica del controllo), invece, è l'insieme delle mosse praticate nel combattimento al suolo.

Continua la lettura
45

Il Karate è anch'essa una disciplina antichissima, nata in un'isola a sud del Giappone nell'arcipelago di Okinawa, incentrata sulla pura difesa a mani nude. Anch'essa è un'arte marziale incentrata sulla meditazione e sulla non-violenza. Il significato della parola pare che sia la purificazione da pensieri egoisti. Le tecniche di combattimento sono principalmente pugni e calci sferrati a gambe e tronco, ginocchiate. Ma i colpi più spettacolari che vengono utilizzati nei film per impressionare gli spettatori, sono quelli dati a mano aperta nelle zone più sensibili dell'avversario, come la gol o il ventre. Il tutto con l'obbiettivo di neutralizzare il nemico con il minimo sforzo possibile. Il Karate non ha ancora il riconoscimento di sport olimpico.

55

Anche lo Jujitsu è incentrato sullo sfruttamento della forza del nemico per difendersi e rimandare il colpo con la medesima forza. È una disciplina anch'essa antichissima anche se molto meno diffusa rispetto al karate e al Judo. L'allenamento è incentrato sulla concentrazione per capire il momento migliore per ribattere l'attacco del nemico, che solitamente è quello dell'ultimo istante. È forse la disciplina meno violenta di quelle più praticate, in quanto spesso la tecnica più usata è quella di evitare le mosse dell'avversario facendo trovare ad esse il vuoto. Differente invece è il Kick Boxing.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Sport

Arti marziali: le tecniche

Le Arti Marziali sono il connubio tra passato e modernità. Nate principalmente in Oriente, il fulcro su cui si basano tutte le discipline marziali, è quello del combattimento; nonostante esso, a secondo del luogo, del periodo storico e dello stile praticato,...
Altri Sport

Le 10 migliori arti marziali per l'autodifesa

L'autodifesa non è un gioco, non è un film e non è una coreografia. Ci sono due aspetti sui quali è opportuno soffermarsi quando si parla di difesa personale in situazioni di pericolo. Il primo è l'aspetto mentale; praticare arti marziali sviluppa...
Altri Sport

Arti marziali: la meditazione

La meditazione nelle arti marziali rappresenta una componente estremamente importante e la preparazione da parte delle persone combattenti non deve curare soltanto l'aspetto fisico, ma anche quello mentale e spirituale. Nel seguente rapido e pratico articolo...
Altri Sport

Come scegliere le arti marziali

Le arti marziali aiutano a scaricare lo stress, facilitando l'equilibrio tra corpo e mente. Si possono iniziare a praticare dai 6 anni ma, in questo caso, sono gli adulti a scegliere. Per sapere come selezionare la più adatta, partiamo dal fatto che...
Altri Sport

Arti marziali: kung fu

Quanti di noi, pensando alla Cina, associano a questo bellissimo paese un arte antica, che comunemente chiamiamo Kung Fu? Vi sorprenderà scoprire che in realtà in Cina questo termine non viene mai utilizzato per descrivere tale tipo di lotta, ma che...
Altri Sport

Arti marziali: l'alimentazione

Fra tutti gli sport esistenti le arti marziali sono forse quelle in cui viene richiesto uno sforzo maggiore, in quanto vengono allenati allo stesso tempo sia il fisico sia la mente che lo spirito. Ad ogni modo sia per questo genere di sport che per qualsiasi...
Altri Sport

Arti marziali: le cinture nel Jiu Jitsu

Nel codice di molte arti marziali, come il judo o il karate, rientra l'usanza di assegnare ad ogni grado, ossia ad ogni livello raggiunto, una cintura. L'introduzione di una tale tradizione, contrariamente a quanto si possa pensare, è di origine piuttosto...
Altri Sport

Le cinture nelle arti marziali

Con arte marziale intendiamo quella disciplina che ci insegna a combattere, composta da tecniche codificate. In antichità le arti marziali avevano una valenza anche morale, oltre che uno scopo difensivo (quando venivano usate a fini bellici), ma la componente...