Come si effettua un blocco a basket

di Jacopo Morandi tramite: O2O difficoltà: media

Uno dei più coinvolgenti e seguiti sport al mondo: Il Basket. Da sempre affascina con la sua rapidità d'azione, la sua spettacolarità nell'esecuzione di movimenti estremi per il fisico come con la sua logica certosina nell'organizzazione dei giocatori in campo. Contropiedi, rimbalzi, schiacciate spettacolari (Dunk in gergo cestista), tutti ingredienti in grado di infiammare ogni singolo spettatore e infervorare ogni giocatore. Nonostante questo, la perfezione nell'esito di un'azione di gioco si raggiunge con "semplici movimenti da manuale" altrimenti chiamati "fondamentali". Tra i più importanti: il "Blocco".  

1 L'arte del blocco, se ben eseguita, permette al tiratore di realizzare un canestro, a chi penetra in palleggio di avere una via libera verso l'ambito anello oltre ad altri innumerevoli sviluppi di gioco. Si potrebbe definire come massima collaborazione di squadra in fase d'attacco: il gioco "senza palla". Esistono varie metodologie di bloccaggio: di fronte, di lato, dietro e l'efficace blocco "cieco". Ognuna di queste può essere effettuata a favore del portatore di palla come a favore di qualsiasi altro compagno di squadra con lo scopo di "smarcarlo" vanificando l'azione del suo difensore. Scopriamo come bloccare al meglio..

2 .. Prima regola su tutte: il Bloccante (chi porta il blocco al compagno di squadra) non deve mai per nessun motivo essere troppo attivo nel bloccaggio. Rischierebbe così di travolgere l'avversario e quindi commettere un fallo di gioco in attacco. Di fatti il trucco è rimanere immobili, ben piazzati sulle gambe, a circa un metro da colui che si vuole bloccare, porgendo a questo i propri avambracci ben saldi all'altezza del petto per contenere l'urto e quindi farlo rimanere bloccato contro di voi. Sarà il vostro compagno di squadra a portare da voi il suo difensore. Una chiara ricerca dell'avversario con il corpo risulterebbe contraria al regolamento. Ecco il significato di collaborazione: un'intesa, una parola in codice per richiedere un blocco e, nello sviluppo più idilliaco, l'avversario dovrebbe rendersi conto di tutto quando ormai è già a contatto con il sudore del bloccante.

Guarda il video:

Continua la lettura

3 Nel blocco di fronte il bloccante si posiziona tra il compagno (porgendogli le spalle) e il suo difensore.  In questo modo contiene letteralmente quest'ultimo permettendo un tiro pulito e libero al portatore di palla.  Approfondimento Basket: come realizzare uno schema d'attacco (clicca qui) Nel blocco di lato chi porta il blocco si mantiene a distanza ravvicinata (ricorda la regola fondamentale!) agevolando il compagno di quadra in una scattante partenza in palleggio.  Questo infatti passerà stretto intorno a voi, il suo difensore urterà contro il vostro corpo dando via libera allo sviluppo dell'azione.  Nel blocco dietro, il bloccante si rivolge al proprio compagno posizionandosi dietro all'avversario che lo marca.  Quest'ultimo non vi vedrà e il vostro compagno può prendere l'iniziativa che preferisce sfruttando voi (a differenza del blocco di lato che palesa una scelta di direzione: sinistra o destra).  Infine il blocco "cieco": Questa tipologia è simile al blocco dietro se non per il bloccante che proviene da un'area al di fuori del campo visivo dell'avversario difensore.  Il vostro compagno decide di iniziare un'azione d'attacco con il suo difensore che tenta di arginarlo.  Sarà lui a portarvi il suo difensore ignaro della vostra presenza.  Da tutte queste situazioni ci possono essere finalizzazioni dirette o tantissimi altri svolgimenti di gioco.  Tra questi, per citarne uno, c'è il famoso "pick and roll": il bloccante immobilizza l'avversario, il possessore di palla sfrutta il blocco entrando in palleggio verso il canestro.  A questo punto il bloccante ruota su se stesso favorendosi anch'esso verso il canestro per ricevere facilmente palla e segnare qualora il suo compagno sia stato recuperato da un avversario.  In conclusione, Il blocco è l' "A" dell'ABC della pallacanestro.  Un ottimo input per un gioco ben costruito con l'unica contraddittoria regola di non "cercare" il contatto forzatamente ma procurarlo con una sincronizzata collaborazione di squadra.  Un ottimo modo per scolpire i propri addominali a suon di scontri in velocità!. 

Non dimenticare mai: Nel blocco cieco cercate di proteggere le vostre parti intime dal momento che l'avversario è ignaro della vostra presenza. Non potete sapere come si scontrerà contro di voi in corsa! Sfruttate i blocchi lontano dalla palla. Un'azione di smarcamento tra due giocatori può favorire un passaggio facile e sicuro da parte del portatore di palla per una realizzazione altrettanto comoda!

Come attaccare e difendere un 2 vs 1 nel calcio a 5 Il calcio a 5 è un tipo di sport molto praticato ... continua » Come Si Effettua Il "Dai E Vai" A Basket Nella pallacanestro spesso capitano situazioni in cui la difesa avversaria esercita ... continua » Come si gioca il basket tre contro tre Moltissimi sport possiedono delle variazioni le quali affermano essere il risultato ... continua » Come Effettuare Una Stoppata Nella Pallacanestro La pallacanestro è uno degli sport più elettrizzanti e spettacolari che ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Basket: le principali regole

Il basket come saprete è uno dei più belli e divertenti sport di squadra. Il suo successo mondiale lo dobbiamo principalmente alla Federazione Internazionale Basket ... continua »

Come fare un tap in nel basket

Se siete arrivati su questa pagina, probabilmente siete dei giocatori principianti di Pallacanestro, e volete imparare come migliorare il vostro stile di gioco per contribuire ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.