Come pescare l'orata all'inglese

di Gianluca Esposito tramite: O2O difficoltà: facile

L'orata è uno dei pesci più pregiati che frequenta i mari e le coste della Penisola italiana, ed, inoltre, possiede delle carni bianche davvero molto gustose; in tanti si avvicinano al mondo della pesca proprio per insidiare questo bel grufolatore e, se anche voi siete curiosi di scoprire come bisogna pescare all'inglese l'orata, non dovete far altro che leggere attentamente e seguire esattamente la seguente semplice guida che enuncerò nei passaggi successivi!!!

Assicurati di avere a portata di mano: Canna all'inglese da "4 metri" Galleggiante Stopper di gomma Girelle Ami numero "16" Fluorocarbon Nylon da "0,18 mm"

1 Per insidiare l'orata a galleggiante, dovrete scegliere, come luogo in cui praticare questo sport od hobby, un porto oppure una foce, perché rappresentano i due habitat che essa frequenta specialmente nei periodi caldi (dalla Primavera fino all'Autunno inoltrato): per avere maggiori possibilità di cattura, occorrerà acquistare una pastura specifica per il mare oppure dei pellets per pesci di allevamento!!!

2 Per questo tipo di pesca, dovrete munirvi di una bolognese leggera, ma comunque robusta, che possa essere capace di contrastare le fughe di predatori marini potenti e smaliziati: generalmente, potrebbe andare bene una canna all'inglese da "4 m" in carbonio alto modulo con azione semiparabolica o di punta e vi conviene comprare anche un'appropriato reggicanne!!!

Continua la lettura

3 Il mulinello che sarà necessario acquistare deve essere almeno di taglia "3.000" e deve avere una buona frizione micrometrica, poiché avrete bisogno di gestire filamenti molto sottili e delicati: esso potete caricarlo con del nylon da "0,18 mm" e, sulla lenza madre, dovrete montare un galleggiante all'inglese da "6 g", fermandolo con uno stopper di gomma!!!. 

4 Nella parte inferiore della lenza madre, montate una torpille scorrevole che vada ad equilibrare il peso del galleggiante, permettendo al'asticella di posizionarsi verticalmente: fermate il tutto mediante l'utilizzo di una micro girella e, dopodichè, potete costruire il terminale, impiegando del fluorocarbon da "0,12 mm", di circa "2 m" di lunghezza ed innescato con un amo numero "16"!!!

5 Come esca, è possibile usare il bigattino oppure il verme coreano innescato nella coda e vi consiglio di mischiarli, ad intervalli regolari, con la pastura; adesso, create delle piccole sfere e lanciatele all'altezza del vostro galleggiante, e procuratevi un guadino telescopico, che vi permetterà di salpare le vostre prede senza il rischio di rompere il sottile terminale!!!

Come pescare l'orata Con questa guida imparerete a pescare l'orata (Sparus Aurata), la ... continua » Come pescare con la canna fissa Lo strumento simbolo della pesca è sicuramente la canna fissa. La ... continua » Come scegliere l'esca giusta per le orate Uno dei pesci più comuni nei mari italiani è l'orata ... continua » Come pescare con la sarda Pescare a fondo in mare è una tecnica che si può ... continua »

Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come Praticare Il Ledgering

La tecnica di pesca chiamata legering o ledgering consiste alla cattura pesci di fondale, per eseguirla in modo corretto si devono rispettare principi di base ... continua »

Guida alla pesca in fiume

La pesca in fiume è un tipo di disciplina, o semplicemente di hobby, molto diffuso in Italia, praticato in questi anni da un numero sempre ... continua »

Come pescare con l'americano

La pesca è uno sport molto diffuso che viene praticato a qualsiasi età. Sia il bambino, sia l'anziano, mostrano entusiasmo nel cimentarsi in questo ... continua »

Come pescare il temolo russo

In questa guida vi spiegherò come pescare un pesce poco conosciuto, il Temolo Russo. Per poter insidiare questo pesce bisogna attuare una tecnica speciale in ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore degli stessi, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.