Come iniziare a praticare basket

di Vocco D.B. tramite: O2O difficoltà: facile

Il basket è uno degli sport più praticati al mondo. Le sue origini risalgono alla fine dell'Ottocento. Venne inventato da un professore di ginnastica americano, nel Massachusetts (USA). Egli voleva trovare uno sport di squadra da poter praticare anche al coperto. La prima partita ufficiale ebbe luogo un anno dopo circa con l'unico canestro segnato dal mitico William "Willie" Chase. Il basket è diventato anche sport olimpico (nel 1936 nelle celeberrime Olimpiadi di Berlino) e sin dagli esordi divenne popolare in tutto il mondo. Il bello del basket è che è praticabile ovunque, non solo nelle palestre. Basta uno spazio aperto, un canestro, qualche giocatore e potrete divertirvi liberamente! Non a caso è lo sport più praticato nei sobborghi metropolitani. È uno sport di squadra molto divertente e molto aggregante. In Italia, nonostante venga apprezzato, resta comunque uno sport più di "nicchia". Vediamo insieme come iniziare a praticarle basket. Vi spiegherò, inoltre, a quale età e se vengono richiesti precisi requisiti fisici per entrare a fare parte di una squadra.

Assicurati di avere a portata di mano: Cinque giocatori per squadra Un pallone da basket Due canestri Uno spazio aperto

1 Non esistono limiti di età minimi, anche i bambini di quattro o cinque anni possono avvicinarsi al basket (mini basket). Lo sport è molto divertente e aiuta a interagire con gli altri. Si basa sul "gioco di squadra" infatti insegna a collaborare con i propri compagni per perseguire un fine comune, il canestro. Per questo motivo, è perfetto non solo per i bambini dal carattere aperto e socievole, ma anche per i bimbi più introversi e più timidi. Il basket è utile anche per rinforzare la muscolatura: allunga la colonna vertebrale e la coordinazione. Quindi, è uno sport che aiuta a crescere meglio. L'unico problema è l'aspetto tecnico, salti e scatti sollecitano molto tutta la muscolatura, le ginocchia e la schiena per cui è importante seguire il bambino con l'appoggio di un medico sportivo.

2 L'aspetto ludico si associa anche ad un importante insegnamento, vincere è importante così come la sconfitta. Nel basket la sconfitta viene condivisa con tutti i compagni di squadra e risulta meno pesante da accettare rispetto agli sport individuali. Il contatto fisico, con l'avversario, può creare reazioni incontrollate e un bravo allenatore è necessario per cominciare ad insegnare l'autocontrollo e il rispetto per il prossimo. Un bravo allenatore deve anche insegnare che nel basket tutti i ruoli sono importanti. Non è importante solo chi fa canestro, ma anche colui che lo impedisce all'avversario! Il ruolo dell'allenatore è fondamentale per la crescita dell'autostima nei suoi piccoli giocatori. La prima partita ufficiale di campionato richiede un'età minima di 11 anni e possono cominciare i primi problemi. In genere a questa età gli allenatori e le Società di appartenenza chiedono il passaggio all'agonismo (precoce rispetto al passato). Perciò, il basket rischia di diventare troppo impegnativo e si può cominciare a perdere di vista il puro divertimento. A questa età inizia, quindi, una prima grande autoselezione e la maggior parte abbandona.

Guarda il video:

Continua la lettura

3 Una squadra di basket è composta da cinque giocatori, ognuno con un ruolo specifico.  Il playmaker è colui che decide lo schema di gioco.  Approfondimento 7 rituali pre-partita del giocatore di basket (clicca qui) Può essere lui stesso a portare la palla in attacco oppure può semplicemente decidere come impostare l'attacco.  Non è richiesta in genere un'altezza esagerata, ma capacità organizzative e carisma, oltre che una buona visione del gioco in generale.  La guardia tiratrice è, in genere, quella che si occupa del tiro.  In questo caso si richiede una certa altezza (per gli adulti un minimo di 190), per arrivare più facilmente a canestro.  Il pivot è il giocatore della squadra più potente e pesante, il suo compito è stoppare la palla e il giocatore avversario.  In Europa i migliori sono alti più di 210 cm e pesano sui 110/120 Kg.  Questi giocatori difficilmente corrono.  Non si affidano all'agilità, ma alla prestanza fisica.  Gli ultimi due giocatori sono le due ali: ala grande e ala piccola, che sono i giocatori più bravi nel tiro da lontano.

4 Per gli adulti il basket è uno sport piuttosto selettivo. Considerate le dimensioni in altezza o robustezza richieste è difficile entrare in squadra. Contrariamente a quanto si crede, il basket è uno sport molto tecnico e faticoso. Richiede grande allenamento. Se non hai esperienze di basket passate, sarà molto difficile riuscire ad eguagliare i giocatori già allenati. Per farlo dovrai allenarti molto duramente soprattutto per "il fiato" e per metterti in pari con i fondamentali, tiro, palleggio e passaggio. Oppure, puoi unirti ad Associazioni che organizzano squadre a livello amatoriale. Puoi trovarle inserendo in ricerca Google "Amatori Basket" seguito dalla tua città. Se non hai spirito agonistico e vuoi solo praticare sport per divertirti, ti consiglio di provare. Il basket è uno sport completo e una partita tra amici può risultare sempre divertente!

Non dimenticare mai: Inizia in giovane età Puoi guardare le partite di campionato per imparare dai professionisti

Come si effettua un blocco a basket Uno dei più coinvolgenti e seguiti sport al mondo: Il Basket ... continua » Basket: le regole principali Il basket, che in italiano significa esattamente "pallacanestro", è uno degli ... continua » Basket: come realizzare uno schema d'attacco Tra gli sport più praticati al mondo, c'è sicuramente il ... continua » Come diventare un grande tiratore nel basket Per diventare un “cecchino” del canestro, uno che non sbaglia mai ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come fare un lay-up a basket

La pallacanestro rappresenta uno degli sport più spettacolari in assoluto. Il mix tra l'atletismo e la tecnica che distingue i giocatore che partecipano a ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.