Come funziona il pentathlon

di Giovanni D'Ambrosio tramite: O2O difficoltà: media

Il pentathlon è uno sport dalle origini antiche, praticato già al tempo dei Greci, in cui gli atleti si misurano in cinque diverse discipline. Ad oggi, ne fanno parte: il tiro a segno, la scherma, l'equitazione e la corsa. Dal 2008 il tiro e la corsa sono stati uniti in una prova unica, il "Combined Event". Il pentathlon moderno è uno sport in cui i partecipanti devono dar prova non solo delle loro qualità fisiche e tecniche, specifiche relativamente ad ognuna delle discipline, ma anche delle loro abilità di concentrazione, versatilità e velocità. Non è quindi un caso se nelle Olimpiadi antiche venne considerato come la sintesi, l'apice della ginnastica greca, per l'armonia delle forme, per la forza e l'agilità del corpo umano. La prima competizione di pentathlon moderno ebbe luogo durante le Olimpiadi del 1912 e fu vinta dallo svedese Gösta Lilliehöök. In un primo momento la sfida era solo maschile; dalle Olimpiadi di Sydney 2000 è stata aperta anche alle donne. Ecco come funziona questa disciplina.

1 Nuoto: i partecipanti sono impegnati a nuotare per 200 m. Si può scegliere indifferentemente lo stile che si preferisce, ma generalmente è praticato lo stile libero, questo perché è quello che permette di raggiungere la velocità maggiore. In base alla migliore prestazione dell’anno i partecipanti vengono suddivisi in batterie.

2 "Combined Event": è la fase della gara in cui si combinano corsa e tiro, prevede quindi l'uso della pistola e consta di due momenti. Il primo è la fase di tiro, durante la quale si devono colpire 5 bersagli ad una distanza di 10 m e in posizione eretta; segue la fase della corsa, durante la quale in un massimo di 1'10" devono essere percorsi ben 1000 m. Il tutto viene ripetuto tre volte di seguito.

Guarda il video:

Continua la lettura

3 Scherma: è la bellissima e molto elegante disciplina in cui si utilizza la spada.  Ogni atleta sfida a turno tutti gli avversari partecipanti alla competizione e per ogni incontro si ha a disposizione un minuto esatto: il primo a mettere a segno una stoccata è il vincitore.  Approfondimento Come iscriversi alle Paraolimpiadi (clicca qui) Se nessuno ci riesce, purtroppo perdono entrambi.  Equitazione: gli atleti devono qui dar prova delle loro abilità di cavallerizzi, confrontandosi su un tracciato di 350-450 m.  Qui sono posizionati 12 ostacoli, per un totale di 15 salti.  La grande difficoltà sta nel fatto che cavaliere e cavallo non si conoscono, ma sono sorteggiati; in preparazione alla gara, per prendere confidenza con l'animale, gli atleti possono fare un massimo di 5 salti di riscaldamento.

Non dimenticare mai: Il pentathlon è uno sport complesso che richiede una preparazione di anni. Per praticarlo ci vogliono impegno, pazienza e costanza. Alcuni link che potrebbero esserti utili: FIPM - Federazione Italiana Pentathlon Moderno

Tecniche di ippica: trotto e galoppo Cosa c'è di meglio che fare una passeggiata all'aria ... continua » I 10 momenti più emozionanti della storia delle Olimpiadi Ogni quattro anni tutto il mondo attende con trepidazione le Olimpiadi ... continua » Come si esegue il salto in alto Il salto in alto è una disciplina che fa parte dell ... continua » Le regole fondamentali di atletica leggera L'atletica leggera comprende una serie di discipline sportive, come ad ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Atletica: salto ad ostacoli

Il salto ad ostacoli è una disciplina che fa parte dell'atletica leggera. Essa consiste nel percorrere una distanza determinata dove sono presenti alcune barriere ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.