Come Dribblare Un Avversario Con Un Tackle D'Attacco

di Valerio Fioretti tramite: O2O difficoltà: media

Il calcio è senza dubbio lo spot più amato in tutto il mondo, e soprattutto in Italia. Molti giovani ogni anno si approcciano a questa disciplina affascinati dalle loro squadre preferite e spinti dal sogno di poter un giorno giocare proprio per quella squadra. Ma per poter diventare bravi nel gioco del calcio bisogna impararne le regole del gioco e le sue tattiche. Il tackle in attacco consente al giocatore di calcio di mantenere il possesso palla dagli attacchi dei centrocampisti o dei difensori, oppure di deviare la traiettoria della palla in modo che i giocatori della squadra avversaria siano tagliati fuori dal gioco. Questa tattica è quella che usano tipicamente i centrocampisti o i terzini, per poterla utilizzare bisogna conoscere la tecnica che ti illustrerò in questa guida. Vediamo quindi come dribblare un avversario al meglio, con pochi semplici passaggi.

Assicurati di avere a portata di mano: Un pallone da calcio Un campo su cui giocare Due squadre per la partita

1 La tecnica per evitare che l'avversario riesca a mettere a segno un passaggio può essere realizzata in questo modo: quando un giocatore sta per effettuare un passaggio tienilo sottocchio e cerca di intuire a quale avversario è indirizzata la palla, se l'hai capito puoi metterti sulla traiettoria del suo tiro, il che vuol dire che non devi buttarti sulle gambe del difensore per rubargli la palla, ma posizionarti a qualche metro da lui a seconda della situazione.

2 Adesso devi fare la scivolata, piega la gamba di appoggio e scivola sulla palla utilizzando il collo del piede per colpirla e farla volare in alto, intanto con il gomito del braccio appoggiati sul manto erboso per attutire la caduta. Questo intervento va realizzato in un preciso istante di tempo in quanto la velocità della palla è maggiore della tua, il momento migliore è quello in cui si anticipa il passaggio del giocatore dell'altra squadra di qualche secondo.

Continua la lettura

3 Per questa tattica dovresti essere supportato da un tuo compagno di squadra che si occupa di catturare la palla che hai fatto saltare via e passarla alla difesa oppure a un altro centrocampista se non c'è pericolo di fuorigioco.  Nel caso la tecnica strategica non andasse a buon fine il giocatore avversario potrebbe riuscire a fuggire all'attacco e a procedere nell'azione, per questo è importante sia il fattore tempo che il controllo sulla palla.  Approfondimento Pallanuoto: come fare uno schema di attacco (clicca qui) Come vedi eseguire questa tattica richiede un certo allenamento ed impegno costante per migliorare la tecnica, ma con il tempo potrà diventare qualcosa di automatico che potrai sfruttare durante le partite con altre squadre.  Non mi resta quindi che augurarti buon lavoro e buon divertimento.  Alla prossima.

Come realizzare uno schema d'attacco nel rugby Il rugby rappresenta uno sport che ha origini molte antiche ed ... continua » Come applicare la tecnica del fuorigioco nel calcio Il calcio non si basa soltanto sul saper palleggiare con il ... continua » Come allenarsi a calcio da soli Il calcio è da sempre lo sport preferito in Italia e ... continua » Lacrosse: come cominciare Il lacrosse è uno sport nato e diffuso tra le tribù ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come fare i cross a calcio

L'elemento tecnico principale del gioco del calcio, dopo la gestione della palla, è il cosiddetto passaggio, ossia quel gesto specifico che funge da mezzo ... continua »

Come giocare A Beach Volley

Pur presentando affinità con il più conosciuto gioco della pallavolo, il Beach Volley è uno sport di squadra relativamente recente: nonostante le radici di questa ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.