Come Chiamare Un Timeout Nel Basket

di Sara Fonte tramite: O2O difficoltà: media

Il basket rappresenta un gioco di squadra, in cui si sfidano due squadre composte entrambe da 5 giocatori, con la finalità di segnare con un pallone nel canestro avversario. Nel gioco del basket un allenatore può chiamare un timeout, cioè avere i suoi giocatori a disposizione cui poter parlare per un minuto, in una pausa del tempo effettivo della partita. È una possibilità che si utilizza solitamente per provare ad aggiustare qualche aspetto del gioco della squadra che non funziona. Continuate, quindi, a leggere questa interessante guida per apprendere come chiamare un timeout nel basket.

Assicurati di avere a portata di mano: Bisogna conoscere alla perfezioni le poche ma fondamentali regole che disciplinano il timeout Occorre conoscere la propria squadra in maniera profonda, le sue difficoltà, i suoi punti deboli e di forza Occorre capire ogni giocatore e sapere come motivarlo nella maniera migliore

1 Il basket americano si distingue particolarmente dal quello europeo: nel primo il timeout può essere chiamato sia dall'allenatore che dai giocatori, invece nel secondo puù essere chiamato solamente dall'allenatore. Nel basket americano, vi è la possibilità utile di poter chiamare un timeout anche durante un'azione di gioco, ciò però è possibile solo se la squadra che desidera chiamarlo abbia il possesso della palla, inoltre in questo caso può essere chiamato solo dai giocatori. In ogni caso, l'allenatore può chiedere il timeout al tavolo dei giudici con il gesto classico che prevede di mettere l'indice di una mano nel centro del palmo dell'altra mano, con il palmo rivolto verso il basso: appena il gioco sarà fermo per una qualunque interruzione sarà interesse degli arbitri concedere il timeout.

2 Se si chiama timeout e si ha il possesso della palla, la rimessa verrà effettuata precisamente nella metà campo avversaria, cosa che facilita parecchio la squadra che lo chiama; ad esempio dopo un canestro subito nei finali di gara, ci si trova a partire con l'azione sotto il proprio canestro e si rischia di perdere secondi preziosi prima di arrivare nell'altra metà campo. Il timeout facilita questo tipo di situazione, contribuisce ad aumentare lo spettacolo nei finali incerti.

Continua la lettura

3 Nel basket europeo è possibile richiedere fino a due timeout nei primi due quarti di gioco, e fino a tre timeout negli ultimi due quarti di gioco.  Per ogni ulteriore tempo supplementare viene concesso un ulteriore timeout per ogni squadra.  Approfondimento Come si gioca il basket tre contro tre (clicca qui) Tutti i timeout hanno una specifica durata di 1 minuto, il quale viene scandito nella maggior parte dei casi, dal tabellone elettronico.  Nel basket americano ogni coach ha a disposizione 6 timeout da 1 minuto e 2 da 20 secondi, anche se le tempistiche spesso vengono aumentate per motivi di sponsor e crescente pathos.

Come Capire I Segnali Dell'Arbitro Nel Basket Nel basket, l'arbitro è un uomo che ha la capacità ... continua » Le regole del basket Il basket è uno sport molto famoso e praticato in tutto ... continua » Storia del basket italiano Il basket è uno sport di squadra, nato negli Stati Uniti ... continua » 5 consigli per giocare a Basket Il basket è uno sport di squadra molto divertente ed affascinante ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Basket: le principali regole

Il basket come saprete è uno dei più belli e divertenti sport di squadra. Il suo successo mondiale lo dobbiamo principalmente alla Federazione Internazionale Basket ... continua »

Basket: le regole principali

Il basket, che in italiano significa esattamente "pallacanestro", è uno degli sport di squadra più praticati nel mondo. Nato negli Stati Uniti verso la fine ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.